Itinerari turistici bavaresi, La Baviera

Itinerari turistici bavaresi, la Strada di Benedetto XVI

La “Strada di Benedetto XVI”, conosciuta con il nome di “Via Benedectina” (“Benedektintweg”) è un percorso turistico-culturale che rientra nelle strade turistiche della Baviera. Si sviluppa da Altötting e collega tutte le località bavaresi legate all’infanzia e alla gioventù dell’Emerito Papa Benedetto XVI.

Benediktweg

Un tracciato circolare lungo circa 250 chilometri che dal cuore religioso della Baviera attraversa il paese natale, le cittadine in cui ha abitato durante la sua giovinezza, alcune città storiche e conventi legati all’ordine dei Benedettini.

Il punto di partenza di Altöttting è il “Tiglio del Papa” piantato da Papa Giovanni Paolo II nel 1980.

Come Papa Giovanni Paolo II, suo predecessore sul soglio pontificio, anche Papa Benedetto XVI è un grande devoto della SS. Madonna ed anche lui in più occasioni ha visitato la “Madonna delle Grazie” di Altötting.

Altötting, santuario della Madonna delle Grazie (Gnadenkapelle; sullo sfondo, la chiesa di S. Maddalena, St. Magdalenakirche)

In occasione del primo viaggio “ufficiale” nella natia Baviera, Sua Santità Papa Benedetto XVI visitò diverse città tra cui Monaco e Regensburg, definendo Altötting la “patria spirituale”.

Proseguendo verso est la prima tappa di questo itinerario è Marktl am Inn, il piccolo comune bavarese che ha dato i natali al futuro papa bavarese.

Marktl am Inn, Rathaus

Qui Josef Aloisius Ratzinger nasce il 16 aprile 1927, il sabato santo e nello stesso giorno è battezzato nella vicina chiesa parrocchiale di S. Osvaldo.

Nella piazza dove si trova la casa natale del Papa Emerito si può vedere la colonna di bronzo creata nel 2006 in occasione della visita del Santo Padre.

Da Markt si prosegue passando per Burghausen, che vanta il castello più lungo del mondo passando per il Monastero di Raitenhaslach per giungere a Tittmoning.

Raitenhaslach, complesso abbaziale

Nel comune di Tittmoning la famiglia Ratzinger (il padre era un poliziotto) si trasferisce nel 1929 in una abitazione chiamata “Stubenrauchhaus” (l’imponente edificio in Stadtplatz con elaborato bovindo al centro della facciata, è oggi di proprietà bancaria) dove il piccolo Joseph frequenta l’asilo fino al 1932. Si narra un piacevole aneddoto del futuro Papa Benedetto XVI in questi anni, quando durante una visita a Tittmoning il Cardinale Michael v. Faulhaber visitò anche l’asilo del piccolo Joseph il quale rimase assai affascinato e impressionato dalla sontuosità della veste talare tanto da affermare “Un giorno diventerò anch’io Cardinale”!

Tittmoning, l’ex abitazione della fam. Ratzinger (1)

Da Tittmonig continuando verso sud oltrepassato il Tachinger See si giunge nel comune di Waging am See adagiato sul Waginger See che, studi alla mano, è il lago più caldo dell’Alta Baviera (Oberbayern).

Waginger See

La successiva località legata al futuro papa è Traustein. Poco prima una deviazione permette di raggiungere la piccola frazione di Hufschlag dove la famiglia Ratzinger vive in una antica fattoria dal 1937 al 1951.

A Traustein Joseph frequenta il Liceo classico (oggi, Chiemgau-Gymnasium) ed ottiene la maturità nel 1943. Nel 1951 riceve l’Ordinazione sacerdotale ed insieme al fratello Georg (più grande di tre anni) celebra la prima messa nella chiesa parrocchiale di S. Osvaldo.

Da Traustein si prosegue verso due importanti monasteri benedettini, il monastero di Seeon e continuando verso il Chiemsee l’abbazia nella Frauenchiemsee.

Seeon, il Monastero

Da Prien apprezzata località adagiata sul più grande lago della Baviera si prosegue verso nord seguendo il tracciato stradale toccando la storica città di Wasserburg am Inn e proseguendo per Aschau am Inn, località legata all’infanzia del futuro Papa Benedetto XVI.

Ad Aschau am Inn Joseph unitamente alla propria famiglia si trasferisce dal 1932. Qui frequenta la scuola elementare (“Grundschule Papst Benedikt XVI”) e riceve la prima comunione nella chiesa parrocchiale della Assunzione della Madonna (“Pfarrkirche Mariä Himmelfahrt”) nel marzo del 1936. In questo piccolo paese il futuro Papa Benedetto XVI inizia a studiare il pianoforte, prima del trasferimento a Tittmoning.

Aschau, la scuola elementare (2)

Da Aschau si ritorna al punto di partenza, Altötting, il centro spirituale della Baviera, che chiude il tracciato.

Informazioni utili

L’itinerario turistico che ripercorre l’infanzia e la gioventu di Joseph Ratzinger, in seguito Papa Benedetto XVI, parte da Altötting e con un percorso circolare ritorna nella stessa cittadina di partenza. Esso si sviluppa per circa 240 chilometri (tracciato stradale) e può essere percorso in bicicletta grazie a una fitta rete ben segnalata di itinerari cicloturistici che attraversano paesaggi dalle mille tonalità di verde con dislivelli di modestà entità, in auto e con tour organizzati in pulmann. Di seguito l’itinerario stradale con la sequenza delle località interessate dal tracciato che tocca anche entità religiose legate all’ordine Benedettino, partendo, come detto, da Altöttting (tra parentesi sono indicate le distanze chilometriche tra una località e la successiva): Marktl am Inn (Km. 14); Burghausen (Km. 14); Abbazia di Raitenhaslach (Km. 8, costeggiando il confine con l’Austria fino a Tittmoning); Tittmoning (Km. 11); Waging am See (Km. 18); Traustein (Km. 14); Seeon (Km. 24); Prien (Frauenchiemsee, Km. 24 costeggiando il lago), Wasserburg am Inn (Km. 32, seguendo la “B15”); Aschau am Inn (Km. 28); Altötting (Km. 42, percorrendo il tracciato stradale “B12” e autostradale “A94”).

Ringraziamenti

Si ringrazia il Tourist Information di Tittmoning per la disponibilità fornita, con particolare riferimento per Frau Perseis Tanja unitamente a Herr Presteil Franz quale proprietario della foto contrassegnata dal nr. (1). Sentiti ringraziamenti esterno alla Direttrice della Scuola Elementare di Aschau, Rektorin Wolf Kirstin per la disponibilità fornita durante i colloqui telefonici, unitamente alla concessione della foto contrassegnata dal nr. (2).

NB. Tutte le distanze chilometriche proposte sono calcolate con l’ausilio di carte stradali e conoscenze personali. Esse hanno lo scopo di completare l’argomento trattato e fornire ulteriori elementi utili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *