Itinerari turistici bavaresi, La Baviera

Itinerari turistici bavaresi, la Strada di Sisi

Tra le strade turistiche bavaresi non può mancare la “Sisi Straße” l’itinerario che ricorda Sisi, l’Imperatrice d’Austria Elisabeth.

La “Strada di Sisi” (“Sisi Straße”) segue le tappe della vita della Duchessa in Baviera, nata a Monaco come discendente della casata dei Wittelsbach in Bayern e tocca diversi Stati e città legate alla vita di questa carismatica donna definita la più bella del suo tempo, intramontabile mito.

Sisi, il mito continua

Merano, Levico Terme, Madonna di Campiglio, Trieste, l’isola di Corfù, Ginevra, Bad Ischl, Vienna, Budapest sono alcune delle città legate alla vita dell’Imperatrice che rientrano nell’itinerario della “Strada di Sisi”, che partendo dalla Baviera accomuna oggi diversi stati.

In Baviera la città più a nord che rientra nella “Strada di Sisi” è Augusta (Augsburg). Nel cuore della storica città in Maximilian Straße visse il fratello di Elisabeth, Ludwig Wilhelm Duca in Baviera durante la sua permanenza da Ufficiale e proprio in questa città conobbe l’attrice Henriette Mendel, sua futura moglie.

Lasciata la storica Augusta la tappa successiva dell’itinerario legato a Sisi è Unterwittelsbach nel comune di Aichach, dove sorge il castello di Sisi, familiarmente chiamato “Sisi Schloss” che per lungo tempo era la dimora privilegiata dal padre, il Duca Max in Baviera.

Qui la piccola Sisi trascorreva ore spensierate durante i mesi estivi della sua prima infanzia nel verde che circonda il castello.

Aichach, Sisi Schloss

Nel vicino borgo di Oberwittelsbach si possono vedere i ruderi di un castello distrutto nel 1209, da cui la dinastia prese il suo nome.

L’itinerario turistico sulle orme di Sisi fa tappa (ovviamente) a Monaco, la città che diede i natali alla futura Imperatrice. Al n. 37 di Ludwig Straße si può vedere la targa commemorativa apposta sulla facciata dell’edificio che ricorda la nascita di Sisi (qui menzionata come “Sissy”).

Monaco di Baviera, targa commemorativa

Non distante dalla città che le diede i natali si trova lo Starnberger See. . Nel comune di Pöcking si trova il castello di Possenhofen, dal 1834 residenza estiva della famiglia ed oggi proprietà privata. Elisabeth trascorreva abitualmente i mesi estivi con i genitori al castello affacciato sul lago.

Possenhofen, l’ex castello

Sisi e suo cugino Ludwig II Re di Baviera si incontravano nell’Isola delle Rose (“Roseninsel”, originariamente “Insel Wörth”) nel “Casino” una semplice dimora circondata da uno splendido roseto.

Roseninsel, Casino luogo di incontro tra Sisi e Ludwig II

Tracce di Sisi sono visibile presso l’odierno “Golfhotel Kaiserin Elisabeth (originariamente Hotel Strauch) di Feldafing non distante dal lago che nel 1900 prese il suo nome. Mobili originali, una grande statua nel giardino e il “Menù di Sisi”, sono reali testimonianze legate alla storica figura di casa Wittelsbach.

Possenhofen, scritto nei locali della stazione

Nella ex-stazione ferroviaria di Possenhofen si trova il “Kaiserin Elisabeth Museum“, allestito nelle ex-sale della stazione ferroviaria che custodisce innumerevoli documenti, fotografie, quadri, oggetti che raccontano la vita dell’Imperatrice.

Possenhofen, Kaiserin Elisabeth Museum

Il castello di Garatshausen, affacciato sullo Starnberger See, fu acquistato dal Duca Max in Baviera che lo dono successivamente a suo figlio; nell’agosto del 1868 Sisi soggiornò nel castello insieme alla sua piccola Valerie. Oggi il castello è un luogo di cura ed a fianco è ancora visibile la piccola cappella dove Sisi pregava.

Garatshausen, l’ex castello (a sin. la piccola cappella)

Tracce di Sisi sono visibili a Bad Kissingen apprezzata località termale. Fu in questa elegante città che Elisabeth incontrò suo cugino Ludwig II Re di Baviera appena asceso al trono, nell’estate del 1864. La collina denominata “Altenberg” si eleva per 284 metri e conserva una stele dedicata all’Imperatrice Elisabeth. Tra la folta vegetazione e le diverse panchine disseminate lungo il percorso collinare, immerso nel verde su una roccia vi è una lastra metallica con l’effige di Elisabeth, posta nel 1907 in onore dell’Imperatrice, ospite della città in più di una occasione.

Bad Kissingen Sisi Denkmal

Il percorso legato alla vità di Sisi tocca la città di Regensburg, visto che la sorella Elena si unì in matrimonio con il Principe ereditario Maximilian v. Thurm und Taxis nel 1858, trasferendosi nello stesso anno a Ratisbona (Regensburg). Elisabeth si recava spesso a trovarla soggiornando nel castello di San Emmeram, dimora della sorella Elena.

Regensburg


Anche la città di Passau, la città dei tre fiumi, custodisce importanti testimonianze riferite alla vita di Sisi. In Rathausplatz si può vedere la targa commemorativa eretta nel 1904 in ricordo del passaggio, il 21 aprile 1854, dell’Imperatrice Elisabeth per Vienna dove la attendeva il suo matrimonio. Nelle immediate vicinanze si trova lo storico Hotel “Wilder Mann” dove la Duchessa di casa Wittelsbach soggiornò dall’8 al 13 settembre 1862 incontrando sua madre la Duchessa Ludovica e sua sorella Maria regina di Napoli e una seconda volta nel luglio 1878.

Passau, targa commemorativa

Tra le città che ricordano Sisi non può mancare Füssen: la cugina di Ludwig soleva fermarsi al “Kurcafe” dell’Hotel Schlosskrone per gustare la squisita “Sisi-Torte”: una vera delizia!

Informazioni utili

La “Strada di Sisi” (“Sisi Straße”) è un itinerario turistico che attraversa diversi stati in Europa, divenendo così un interessante percorso storico e culturale. Rimanendo nella regione che ha dato i natali alla giovane Elisabeth v. Wittelsbach, il tracciato abbraccia diverse città che custodiscono interessanti testimonianze legate alla vita dell’Imperatrice. Prendendo come città di partenza Augusta e seguendo l’itinerario sopra descritto si riportano, tra parentesi, le distanze chilometriche e le arterie stradali interessate, tra una località e la successiva, se non diversamente indicato: Aichach (Km. 24; “A8” e “B300”), Monaco di Baviera (Km. 65; “B300” e “A8”), Bad Kissingen (Km. 320, “A9”, “A3”, “A71”), Regensburg (da Monaco, Km. 120; “A9” e “A93”), Passau (Km. 120, “A3”) Starnberger See (Km. 20, “A95” da Monaco; Km. 140 “A93”, “A9”, “A95” da Regensburg; Km. 210 da Passau, transitando da Altötting “B12” e Monaco).

Ringraziamenti

Si ringrazia il personale dell’Hotel “Wilder Mann” per la disponibilità dimostrata durante la visita dell’interessante Museo. Ringraziamenti vanno al personale del “Sisi-Schloss” per le informazioni fornite durante la visita del castello. Sentiti ringraziamenti formulo al personale del Tourist Office di Bad Kissingen per la collaborazione fornita.

NB – Ricordo che sono sempre a disposizione mediante il format sul mio sito, per ogni ulteriore informazione relativa ai miei capitoli/articoli. Rammento che le distanze chilometriche rappresentano un ausilio a corredo del capitolo; esse sono calcolate tramite cartine stradali e in base a conoscenze personali con indicazione del tracciato utilizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *