Chiese, Monasteri e Abbazie La Baviera

La città di Moosburg an der Isar

Moosburg an der Isar è una antica cittadina bavarese adagiata tra le rive dell’Isar e dell’Amper.

La prima visita è dedicata all’imponente “Kastulus-Münster” la chiesa più importante della comunità bavarese, il cui campanile è visibile ancor prima di entrare nel nucleo urbano.

Moosburg, chiesa di San Castulo

Dedicata a Maria e a San Castulo le antiche origini portano all’anno 770 come monastero benedettino. Nel 1170 ci fu la costruzione del “Münster” che fu danneggiato da un incendio agli inizi del 1200 e ristrutturato negli anni a seguire con la creazione del poderoso campanile (molto vicino a quello della chiesa di San Giovanni, St. Johannes Kirche) e del prezioso portale, con il ruolo di chiesa parrocchiale (Pfarrkirche), dal 1803.

Moosburg, chiesa di San Castulo (sullo sfondo il campanile della chiesa di S: Giovanni)

L’interno (dopo essermi soffermato sull’antico portale che ospita le raffigurazioni di Cristo, Maria e del martire cristiano) ) a tre navate consta di pareti bianche dove domina il pezzo più pregiato dell’ambiente religioso, l’articolato altare maggiore (Hochaltar).

Moosburg, chiesa di San Castulo (interno)

Creato nel 1511 dall’artista di Landshut Hans Leinberger merita particolare attenzione. Esso è posizionato sopra una “predella” che mostra un interessante dipinto. Da un lato il duca Wolfgang (Herzog Wolfgang von Bayern) e dietro di lui inginocchiati i suoi nipoti Wilhelm, Ludwig, Ernst; lo sguardo dei quattro personaggi della dinastia Wittelsbach è rivolto verso l’altare. Dall’altra parte i prelati tutti con un mantello di pelliccia. Ai lati del dipinto si possono vedere gli stemmi: diamanti e leoni per raffigurare la dinastia dei Wittelsbach e 3 rose con angelo per richiamare il luogo religioso di Moosburg.

Moosburg, chiesa di San Castulo (altare maggiore)

Sopra la predella in posizione centrale la scultura di Maria che tiene nella mano destra lo scettro quale regina del Cielo e con in braccio il Bambino, tra San Castulo (hl. St. Kastalus, che ha con se una palma e la spada) e l’imperatore Enrico (hl. Kaiser Einrich, che ha con se una spada e un modello della chiesa, in segno di personalità vicino alla fondazione del luogo religioso). Esternamente sono raffigurate le statue di San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista.

Al centro della navata principale uno di fronte all’altro si possono ammirare il pulpito riccamente decorato in stile neogotico della meta del 1800 e un grande crocifisso opera dello stesso Hans Leinberger.

Moosburg, chiesa di San Castulo (pulpito)

Gli stalli del coro arricchiti da lavori d’intarsio risalgono alla metà del 1700.

Chiude la visita del luogo religioso un momento di attenzione verso la statua che raffigura il martire cristiano, vissuto nel 3° secolo.

Moosburg, chiesa di San Castulo (statua)

In Stadtplatz si trova il Rathaus che insieme al “Feyerabendhaus” rappresenta le sedi istituzionali della città. La prima menzione del Rathaus risale al 1412 e nel 1718 fu distrutto da un incendio. Costruito in stile barocco nel 1718 fu nuovamente danneggiato nel 1865 e ricostruito l’anno successivo.

La visita continua tra gli antichi palazzi del curato nucleo urbano ed anche a Moosburg, come tante altre città bavaresi grandi o piccole, mi soffermo dinanzi alle diverse rappresentazioni a carattere religioso!

i altrla ciDurante la seconda guerra mondiale a nord di Moosburg fu allestito un campo di prigionia (“Stalag VII A”) tra i più grandi in territorio tedesco. Oggi trova dimora il nuovo quartiere cittadino di Neustadt.

Informazioni utili.

Moosburg an der Isar è un comune bavarese che conta 20 mila abitanti nel circondario di Freising. Circondato dalle acque dell’Isar e dell’Amper si trova nella regione dell’Alta Baviera (“Oberbayern”). E’ lambita dalle arterie stradali “B11” (München-Landshut) e “A92 (München-Deggendorf, uscita n. 10). La capitale bavarese (a sud) Landshut e Deggendorf (a nord-est) sono raggiungibili percorrendo rispettivamente circa 50, 15 e 90 chilometri.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.