La Baviera

La città di Deggendorf

Pittoresca città ubicata nella regione della Baviera Orientale (Ostbayern), Deggendorf è situata ai margini della foresta bavarese ed è attraversata dal maestoso Danubio (Donau).

Il curato centro cittadino a due passi dal maestoso placido grande fiume, è ornato da edifici che testimoniano la storia della città risalente a quasi otto secoli addietro, per opera della dinastia dei Wittelsbach.

Partendo dalla riva del Danubio solcato da innumerevoli battelli turistici per suggestive crociere, percorrendo Edilmairstraße e la successiva Veilchengasse in meno di dieci minuti a piedi si entra in Luitpold Platz il cuore della città, che merita di essere ammirata con calma per la presenza di diverse opere di pregio, unitamente alle contigue Stadtplatz e Michael-Fischer-Platz.

Deggendorf, il centro cittadino

La prima citazione la dedico alla colonna mariana in pietra barocca della metà del XVII secolo cinta da una balaustra che mostra una bella immagine della Vergine Maria.

Deggendorf, statua della vergine maria nel cuore cittadino

Verso il centro della piazza attira la mia curiosità una statua sul cui basamento in marmo si può leggere la seguente scritta “Der Sommer Xidi”. Opera in bronzo dell’artista bavarese Birgit Engl-Radlinger del 2002 essa raffigura un personaggio locale alquanto pittoresco vissuto fino al 1982, esperto conoscitore di funghi. Molto disponibile verso la gente conosceva ben 250 specie di funghi diversi che vendeva nella piazza della cittadina; si racconta che abbia salvato molti suoi concittadini dall’avvelenamento da funghi.

Deggendorf, statua del personaggio locale

Domina l’arredo urbano centrale l’Altes Rathaus (Vecchio Municipio) eretto nel 1535 con la sua svettante torre gotica emblematico punto di riferimento della città.

Deggendorf, Altes Rathaus

L’elaborata facciata a gradoni con timpano finale conserva gli otto stemmi bavaresi, la scritta “Zu Jeder Tat geb Gott Rot” ovverosia “Per ogni azione Dio sa consigliare” e sotto una targa che riporta la menzionata data del 1535 chiusa dallo stemma della Baviera e dallo stemma della città.

Di pregio i diversi edifici che si affacciano nel cuore cittadino come ad esempio quello all’angolo con Pfleggasse che vanta all’inizio il “Sau Rosa” altra statua in bronzo che raffigura un maialino, in ricordo di un antico mercato.

Deggendorf, il Sau Rosa

Continuando verso sud ecco la chiesa del Santo Sepolcro dedicata a San Pietro e Paolo (“Heilig Grabkirche St. Peter und Paul”) dominata dalla caratteristica torre alta 70 metri definita una tra le più belle torre barocche della Germania del Sud. costruita nel 1727. Eretta tra il 1338 e il 1360 ha l’interno a tre navate che riprendono lo stile tardo gotico.

Deggendorf, sullo sfondo il campanile barocco

Nelle immediate vicinanze della chiesa in Rosengasse 10 si trova la biblioteca della città (“Stadtbibliothek”) ospitata in un elegante edificio che la rende dal punto di vista architettonico opera di valore. A due passi lo “Stadtmuseum” che come tutti i musei cittadini illustra la storia della città ed espone l’ambiente fedelmente riprodotto di una farmacia in stile “Biedermeier”.

Proseguendo ancora si arriva dinanzi alla maestosità della chiesa parrocchiale dell’Assunta, la “Pfarrkirche Mariä Himmelfahrt!”

Deggendorf, prospetto della chiesa parrocchiale dell’Assunta

L’imponente prospetto principale porta in dote al centro la statua della Beata Vergine cinta da un’aureola dorata con in braccio il Bambin Gesù. Sotto si legge la scritta “Patrona Bavariae”. Al centro del grande edificio religioso si erge il campanile terminante con la consueta forma a bulbo di cipolla.

Deggendorf, prospetto della chiesa parrocchiale dell’Assunta (particolare)

Ubicata nella parte più antica della città fu ricostruita come Basilica barocca negli anni dal 1656 al 1657. L’interno, cui si accede da una doppia scalinata con portico, a tre navate contrassegnato dai tenui colori del bianco e del rosa presenti sulle pareti e sulle colonne risaltano ancor di più le opere barocche custodite al suo interno.

Deggendorf, interno della chiesa parrocchiale dell’Assunta

Il presbiterio ospita un prezioso e imponente Altare Maggiore (Hochaltar) a baldacchino, in precedenza appartenente al Duomo di Willibald di Eichstätt, cinto da colonne, opera dello scultore e architetto tedesco Matthias Seybold.

Su di esso l”affresco opera di Joseph Wilhelm Seidl della metà del 18° secolo, rappresenta l’incoronazione di Maria da parte della Santissima Trinità e allo stesso tempo mostra Maria come Regina dei Patriarchi e dei Profeti.

Deggendorf, affresco del coro della chiesa parrocchiale dell’Assunta

A due passi l’ex cappella di Sant’Osvaldo (“Ehemagige Sankt Oswaldkapelle“) che dal 1955 ricordi i caduti delle due grandi guerre.

Tornando verso il cuore cittadino una breve sosta merita la chiesa dell’Ospedale di Santa Caterina (“Spitalkirche St. Katharina“) in Pferdemarkt al civico 20. La piccola chiesa fu costruita insieme all’Ospedale di santa Caterina. Dopo la distruzione nella guerra di successione austriaca fu ricostruita seguendo i dettami del barocco da artisti locali negli anni 1762/63 e restaurata nel 1992. Ricco il suo interno.

Proseguendo e percorrendo Westlichen Stadtgraben si può vedere un’altra statua denominata “Heroldsfigur” che ricorda l’antico nome della via appena menzionata, Herolgasse.

A pochi distanza si possono ancora vedere una parte delle vecchie mura lunghe 30 metri circa, che risalgono al XIV secolo.

Deggendorf, le storiche mura

Avvicinandosi al cuore della città mi fermo davanti alla “Brunnen Knödelwerferin”, posta nel vecchio quartiere cittadino. La statua della fontana raffigura una donna con un cesto intenta a lanciare “qualcosa”. La tradizione vuole che nel 1266 la moglie del sindaco lanciò alcuni “Knödels” appena sfornati contro un esploratore delle truppe nemiche di Ottokar di Boemia, lasciando intendere di avere provviste a sufficienza per poter resistere all’assedio.  Ancora oggi gli gnocchi di Deggendorf sono rinomati!

Deggendorf, la Brunnen Knödelwerferin

Informazioni utili

Deggendorf vanta una popolazione di circa 32 mila abitanti. Bagnata dal Danubio è ubicata ai margini della foresta bavarese e costituisce un’ottimo punto di partenza per la visita di quest’ultima. Dista circa 160 chilometri da Monaco cui è collegata dalla “A92” (Munchen-Landshut-Deggendorf), ed è ubicata a metà strada circa tra Passau (a sud, chilometri 50) e Regensburg (a nord, circa 75 chilometri) tramite la “A3”. Dista dal confine di stato Italia-Austria (Brennero) circa 310 chilometri (Brennero-Innsbruck-Kufstein-Rosenheim Wasserburg-Landshut-Deggendorf). A circa tre chilometri si trova l’Abbazia Benedettina di Metten, gioiello che merita assolutamente una visita! Il Tourist Information di Deggendorf è ubicato in Pfleggasse n.9 ed offre una buona dotazione di materiale illustrativo oltre a tutte le informazioni per una piacevole e consigliata gita sul battello. Per una gustosa e saporita sosta consiglio vivamente il Ristorante “Zur Knödelwerferin” in Schlachthausgasse 1 a due passi dalla statua…della moglie eroica! L’ultima citazione è per il “Zigarrenhaus Schleicher“, negozio che ha una lunga tradizione a Deggendorf. Ubicato in Oberer Stadtplatz 1 nel vecchio Municipio abbina un vasto assortimento di prodotti di qualità che spaziano dai sigari al whisky.

Ringraziamenti

Si ringrazia il Tourist Information di Deggendorf per la disponibilità dimostrata durante la visita della città. Si ringrazia il titolare del negozio sopra citato per la cortesia espressa durante l’incontro in negozio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *