La Baviera

La città di Bayreuth

Bayreuth si trova nel cuore della regione dell’Alta Franconia (Oberfranken) ed è attraversata dalla “Strada delle Rocche”, uno dei suggestivi itinerari storico-culturali che attraversano la Baviera.

Bayreuth, il curato centro cittadino

Città culturalmente interessante conserva edifici e monumenti che rievocano i fasti dell’età barocca arricchita da giardini e parchi, oasi di verde nell’arredo urbano.

Bayreuth, il curato (e verde) nucleo urbano

Bayreuth è conosciuta in tutto il mondo come la città di Wagner, la città che ospita, ogni anno, il famosissimo festival musicale dedicato al compositore tedesco nato a Lipsia nel 1813.

Il compositore era alla ricerca di un luogo adatto per la messa in scena delle sue opere e scelse appunto Bayreuth con la sua storia, la sua cultura, i suoi giardini.

Bayreuth

La città è stata anche la residenza della marchesa Guglielmina (Markgräfin Wilhelmine, 1709-1758), figlia del re di Prussia Federico Guglielmo I (Friedrich Wilhelm I) e una delle sorelle di Federico II “Il Grande” (Friedrichs II, der Große), donna di cultura dotata di una particolare propensione artistica tanto da comporre musica da suonare diversi strumenti musicali e da calcare le scene quale attrice, che dalla metà del diciottesimo secolo trasformò la città in un rinomato centro culturale.

Bayreuth, Wilhelmine von Bayreuth (per gentile concessione del “Bayerische Schlösserverwaltung”) -1-

Lasciata l’auto in Hindenburgstraße (via di accesso nel cuore cittadino, provenendo dalla “A70”) il primo approccio alla città, come da consuetudine, è il “Tourist Information”, dove non posso fare a meno di sedermi, per un attimo, sulla panchina insieme a Richard Wagner e al suo fedele cane Russ, posta all’ingresso del raffinato ufficio, ricco di materiale illustrativo, articoli di artigianato e souvenir..

Bayreuth, …a sinistra dello scrittore ed esperto bavarese il musicista Richard Wagner

Prima conoscenza è il “Festspielhaus”, uno dei più importanti monumenti della città.

Bayreuth, sullo sfondo il Festspielhaus

Ubicato su una piccola collina chiamata “Collina Verde” (“Grünen Hügel”) al termine di un viale alberato (Siegfrid Wagner Allee), è riconosciuto come uno dei più grandi palchi dell’Opera al mondo, dotato di una architettura e di una acustica unica nel suo genere.

Bayreuth, il celebre “Festspielhaus”

Circondato da Parsifalstr. e Tristanstr. e da altre vie che richiamano opere e personaggi wagneriani, guarda il Richard Wagner Park curato giardino ricco di flora, statue e utilissimi pannelli informativi, ennesimo omaggio al musicista.

Wagner si trasferì a Bayreuth nel 1872 prendendo quale dimora temporanea l’Hotel Fantaisie nella vicina Donndorf dove risiedette per cinque mesi, prima di trasferirsi dal settembre 1872 in una via non lontano dal centro di Bayreuth, in Dammallee al numero 8. Nella città francone il compositore acquistò un terreno (sul quale poi fu eretta la sua casa) e la mattina del 22 maggio 1872 (59° compleanno del compositore, raggiunto per l’occasione da un telegramma di auguri inviato da Ludwig II Re di Baviera) su questa collina poco distante dal centro della città fu posta la prima pietra del nuovo teatro delle feste, con una cerimonia effettuata presso il “Markgräflichen Opernhaus” (Teatro dell’Opera dei Margravi).

Tre anni dopo il teatro fu completato e il 13 agosto 1876 fu inaugurato ufficialmente il primo Festival di Bayreuth con il ciclo completo dell’opera “Der Ring des Nibelungen”. Questo grazie ancora una volta all’aiuto economico di Re Ludwig II, suo mecenate, il quale fornì i fondi necessari, mediante un prestito, per la prosecuzione dei lavori fermi per mancanza di finanziamenti.

Nel 2013 Bayreuth ha festeggiato il duecentesimo compleanno del compositore tedesco con una lunga serie di concerti e mostre dedicate alle opere e alla vita di Wagner.

Bayreuth, una dei tanti monumenti che commemorano il musicista tedesco

Nelle immediate vicinanze del Tourist Information si trova il pregevole Teatro dell’Opera dei Margravi (“Markgräfliches Opernhaus”).

Bayreuth, il Teatro

Dichiarato patrimonio mondiale dall’UNESCO nel 2012 rappresenta uno dei più bei teatri in stile barocco d’Europa e testimonia, ancor oggi, la vita della Margravina Guglielmina.

Bayreuth, il “Margravial Opera House” (interno)

Eretto per celebrare il matrimonio dell’unica figlia della margravina (settembre 1748) fu creato grazie all’ingegno di Giuseppe Galli Bibbiena, all’epoca uno dei più importanti architetti teatrali del suo tempo tra il 1744 e il 1748, coadiuvato da suo figlio Carlo.

Bayreuth, il Teatro (particolare del soffitto)

La facciata terminata tra il 1748 e il 1750 precede un interno che lascia senza fiato stante la bellezza: tre ordini di logge realizzate per lo più in legno e tela, palco principesco dove prendeva posto la coppia margraviale chiuso da colonne sulla cui sommità giace l’aquila del Brandeburgo con la corona reale (riferimento alla discendenza di Guglielmina) e al di sopra del palco una iscrizione in latino che omaggia oltre la coppia anche l’architetto esecutore unitamente all’anno che determinò la fine dei lavori e risplende ancor oggi dopo oltre 270 anni dal suo “debutto”, grazie a una accurata opera di restauro completata nel 2018,

Da qui prendendo Richard Wagner Str. al numero 48 si trova la “Haus Wahnfried” costruita tra il 1872 e il 1874 che divenne la residenza del musicista tedesco nell’aprile del 1874. “Hier wo mein Wähnen Frieden fand “Wahnfried” sei dieses Haus von mir benannt” ovverosia “Qui dove la mia immaginazione ha trovato la pace – Wahnfried – lascia che questa casa sia nominata da me”, disse il compositore.

Bayreuth, Haus Wahnfried

Subito il mio sguardo corre al busto posto al centro di una variopinta aiuola che raffigura il sovrano, dono di lui stesso all’amico.

Il patrocinio di Ludwig nei confronti di Wagner, basato sui loro ideali condivisi, resistette a molte battute d’arresto e durò fino alla morte di quest’ultimo. Il busto in bronzo eretto nel 1875 davanti alla Villa attesta la profonda gratitudine del compositore per la generosità del Re, che comprendeva oltre a un regolare stipendio anche il pagamento dei suoi debiti (fin dal loro primo incontro a Monaco il 4 maggio 1864, appena ssceso al trono di Baviera), doni, assistenza alla Villa e prestiti (poi rimborsati), facilitando la costruzione del Festspielhaus e dei suoi due Festival: il primo nel 1876 (già citato) e nel 1882 in occasione della “Premiere” del “Parsifal” che aprì il secondo Festival wagneriano.

Bayreuth, Haus Wahnfried

Nel 1976 (100 anni dopo il primo Festival Wagneriano) fu aperto il “Richard Wagner Museum” rinnovato ed ampliato in tempi recenti con l’aggiunta di un nuovo funzionale spazio espositivo (a fianco della Haus Wahnfried), delizia per turisti ed appassionati.

Nel giardino sono visibili le tombe del compositore tedesco che morì a Venezia il 13 febbraio 1883 (quel giorno i teatri di Monaco furono chiusi al pubblico su ordine di Ludwig II), di sua moglie Cosima (ex moglie del direttore d’orchestra Hans von Bulow) sposata nel 1870 e del fedele cane Russ.

Nelle immediate vicinanze si trova l’Hofgarten, uno delle tante aree verdi che costellano la città wagneriana. Creato nel XVI secolo fu ampliato nel 1753 grazie al volere della marchesa Guglielmina, mostra un canale a forma di “L” e tre percorsi principali, luogo di pace e ristoro dei sensi.

Bayreuth, Hofgarten (Foto: Thomas Köhler; per gentile concessione del “Bayerische Schlösserverwaltung) -2-

Lo splendido giardino di corte era frequentato dalla famiglia Wagner ancor prima del loro trasferimento presso la “Haus Wahnfield” sia come luogo per passeggiare sia per controllare i progressi della “Villa”. Grazie all’aiuto economico di Re Ludwig II, il compositore acquistò il lotto di terreno tra l’Hofgarten e il giardino della sua nuova residenza consentendo così alla sua famiglia l’accesso diretto al parco e i cigni neri regalati dal sovrano in occasione del suo compleanno furono “autorizzati” a nuotare nel canale!

La parte che si allunga verso il cuore urbano termina con il Nuovo Castello (Neue Schloss) nuova residenza della Margravina Guglielmina e del suo consorte Federico a partire dal 1753, dopo la distruzione del vecchio castello causata da un incendio.

Tra le sale che compongono il complesso residenziale merita particolare menzione la Sala delle Palme (Palmenzimmer) realizzata nel 1758, rivestita con legno di noce.

Bayreuth, Neue Schloss (Palmenzimmer)

Girando a sinistra e percorrendo Ludwigstraße si giunge in Jean Paul Platz dedicata all’omonimo poeta bavarese che qui morì. Continuando in Friedrichstraße si incrocia la via (Dammallee) dove vi era la prima abitazione del musicista di Lipsia e continuando si arriva in Kirchplatz, dominata dall’imponente chiesa gotica creata su una preesistente chiesa romanica, uno dei simboli della città.

Attraversando la stretta Brautgasse si giunge in Maxmilianstraße dove si trova l’antico castello (Altes Schloss), la ex residenza del Margraviato resa inagibile da un incendio ed oggi adibita a compiti della città.

Bayreuth, Altes Schloss (con statua dedicata a Maximilian II Re di Baviera)

Basta spostarsi di poco per giungere nella Chiesa del Castello (Schlosskirche) ubicata nel cuore della città. La chiesa un tempo chiesa di Corte fu costruita nel XVIII secolo per volere della famiglia margraviale dopo l’incendio del castello e donata alla città nel 1812. Adiacente si trova la possente torre ottagonale (visitabile) dalla cui sommità si ha una visuale dell’intera città.

Non è distante la Stadtkirche “Heilig Dreifaltigkeit” (Chiesa cittadina “Santa Trinità”) ubicata in Kirfchplatz, l’edificio più antico della città

Bayreuth, Stadtkirche (interno)

A due passi dal Castello nel cuore urbano si trova “La Spezia Platz” ricca di verde, guardata da interessanti edifici.

Bayreuth, la piazza dedicata alla città di La Spezia

Essa rende omaggio alla città legata da un costruttivo gemellaggio esistente tra le due comunità cittadine dal 1999 e che mi porta alla mente le mie origini…liguri!

Bayreuth, La Spezia Platz

Attraversando Kanal str. si arriva in Luitpold Platz che ospita il Neue Rathaus, edificio di concezione moderna.

Bayreuth, Rathaus

Merita ancora di essere citato il “Festival” dedicato a Wagner: anche per il 2023 Bayreuth si appresta ad essere la capitale internazionale della cultura. Sul palco del “Festspielhaus”, suggestiva location del festival vanno in scena le opere più importanti del repertorio del musicista che richiameranno, come ogni anno, appassionati e turisti da ogni parte del mondo.

Bayreuth, ennesimo omaggio a Richard Wagner

Già in vendita i biglietti con inizio il 25 luglio con “Parsifal” (id., con repliche il 12, 15, 19, 23 e 27 agosto), il 26 luglio “L’Oro del Reno” (Das Rheingold, con repliche il 5 e 21 agosto), il 27 luglio “La Valchiria (Die Walküre, con repliche il 6 e 22 agosto), il 28 luglio “Tannhäuser” (id., con repliche il 7, 16, 20, 28 agosto), il 29 luglio “Sigfrido” (Siegfried, con repliche il 8 e 24 agosto), il 31 luglio “Il Crepuscolo degli Dei” (Die Götterdämmerung, con repliche il 10 e 26 agosto); il primo agosto “L’Olandese Volante” (Fliegende Hollander, con repliche il 4, 11, 14 e 18 agosto) e infine il 3 agosto “Tristano e Isotta” (Tristan und Isolde, con replica il 13 agosto). Sicuramente di richiamo la performance dei musicisti che un quarto d’ora prima dell’inizio appaiono sul balcone del Festspielhaus intonando arie musicali: tradizione che riporta ai tempi wagneriani.

Informazioni utili

Bayreuth è una città bavarese ubicata nell’area regionale dell’Alta Franconia (Oberfranken), una delle tre aree geografiche che compongono la Franconia. Famosa in tutto il mondo per il Festival di Wagner conta oggi poco più di 73 mila abitanti (al 30.06.2021), decima città per popolazione del Land bavarese. Toccata dal percorso autostradale della “A9” (Berlin-Leipzig-Bayreuth-Nürnberg-München) dista dalla capitale bavarese circa 235 chilometri; circa 80 chilometri da Norimberga, circa 65 chilometri da Bamberga (tramite la “A9″ e la”A70”) e circa 155 chilometri da Würzburg (tramite la “A70” e la “A7”). – Il Nuovo Castello (Neue Schloss) in Ludwigstraße 21 è aperto da aprile a settembre (orario 09-18) e da ottobre a marzo (orario 10-16); chiuso il 1° gennaio, il martedì grasso (Faschingsdienstag), il 24, 25 e 31 dicembre; prezzo di ingresso € 5,50 (rid. € 4,50) – – Il Teatro dei Margravi (“Markgräfliches Opernhaus”) in Opernstraße 14 è aperto da aprile a settembre (orario 09-18) e da ottobre a marzo (orario 10-16); chiuso il 1° gennaio, il martedì grasso, il 24, 25 e 31 dicembre e chiusura straordinaria per lavori di ristrutturazione fino al 15 febbraio 2023 e dal 17 al 21 aprile; prezzo di ingresso € 8,00 (rid. € 7,00). – Il Vecchio Castello Hermitage (Altes Schloss Hermitage) in Hermitage 4 è aperto da aprile a settembre (orario 09-18), 1-15 ottobre (orario 10-16) chiuso dal 16 ottobre a fine marzo. – – Il “Richard Wagner Museum” è aperto dal martedì alla domenica (orario 10-17; luglio ed agosto anche il lunedì), prezzo di ingresso € 8,00. Infine, per gli amanti della bionda…bevanda presso il Tourist Information è possibile acquistare il “Bier Tour” (costo € 30,00) che oltre a una visita guidata della città inclusa la visita del “Maisel’s Bier Erlebnis Welt” (Museo e mondo della birra) … soddisfa il palato!

Bayreuth, l’emblematico stemma bavarese

Ringraziamenti

Ringrazio sentitamente il “Bayerische Verwaltung der staatlichen SchlösserGärten und Seen” di Monaco di Baviera per la concessione delle foto (nr. 1 e 2) e la autorizzazione alla pubblicazione delle foto, di proprietà, degli interni del Nuovo Castello e del Teatro Margraviale, presenti in questo articolo. Si ringrazia il personale del Tourist Information di Bayreuth (Opernstraße 22) per la fattiva collaborazione fornita durante la visita della città.

NB – Sono a completa disposizione per quanto pubblicato sul mio sito, labavierapertutti.it.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.