La Baviera

La città di Neuburg an der Donau

Città di antiche origini, conosciuta in epoca romana con il nome di Venaxamodorum, Neuburg an der Donau affacciata sul Danubio (da cui l’estensione del nome) è una città bavarese di circa 30 mila abitanti, ubicata nella regione dell’Oberbayern.

Sede vescovile, conobbe il periodo di massimo splendore a partire dal 1500 quando Neuburg divenne capitale della nuova entità territoriale del “Palatinato” sotto la reggenza del Conte Palatino Ottheinrich (Pfalzgraf vom Pfalz Ottheinrich) che unitamente ai suoi successori condusse la città a un florido periodo che durò tre secoli.

Storia che si respira ancora oggi con un centro storico rimasto immutato nel tempo (e risparmiato durante i bombardamenti della seconda grande guerra) dove edifici e palazzi di pregevole fattura giocano a rincorrersi l’un l’altro tra antiche mura, il tutto guardato dall’imponente Castello, attrattiva principale che domina l’intero nucleo cittadino.

Ma Neuburg non è solo storia, è anche innovazione come l’ “Audi Zentrum”, importantissimo polo tecnologico-industriale che abbraccia innumerevoli settori legati al prestigioso marchio automobilistico dei “quattro anelli” (gli antichi quattro “marchi”), di rinomata fama!

Da Oswaldplatz che divide Münchener Straße proseguendo verso il nucleo storico e svoltando a sinistra si percorre Luitpold Straße che costeggia l’Hofgarten (dove è possibile lasciare l’auto) proprio a ridosso del curato centro storico. Proseguendo, Hofgartenstraße conduce in Ottheinrichplatz abbellita da variopinti fiori dove si trova il “Tourist Information” che dimora in un edificio con la caratteristica facciata a gradoni.

La prima visita spetta di diritto all’imponente “Residenzschloss“.

Neuburg an der Donau, il castello

Il maestoso palazzo di Neuburg (Schloss Neuburg) fu costruito come residenza del Palatinato-Neuburg, la nuova entità territoriale fondata nel 1505. Nel 1527 il Conte Palatino Ottheinrich (Pfalzgraf Ottheinrich) che regnò dal 1522 al 1559 trasformò il castello medievale del Duca Ludwig “Il Barbuto” (Herzog Ludwigs der Gebartete) in un sontuoso palazzo secondo i dettami stilistici rinascimentali tedeschi. Successivamente nel corso del 1500 il palazzo venne ampliato e fu aggiunta, tra i diversi ambienti, la Cappella del palazzo (1537) che è il più antico luogo di culto protestante in terra tedesca, all’indomani della conversione al Protestantesimo del Conte Palatino. Il Castello (o Palazzo) di Neuburg fu convertito in una residenza barocca nello stesso secolo e la preziosa ala est con le due imponenti torri circolari furono erette nel periodo 1665-1670.

L’ampio cortile mostra le preziose facciate e ha in dote le due imponenti statue in pietra dei Duchi.

Neuburg an der Donau, cortile del Castello

L’interno è un susseguirsi di sale riccamente arredate da sontuoso mobilio con teche ricche di preziosi oggetti.

Molto interessante è la “Sala delle Armature” e sicuramente di pregio è il “set” di argenteria e porcellana in bella mostra su un grande tavolo all’interno di una ampia teca. Una notevole esposizione di tazze, tazzine, piatti, zuppiere, bicchieri, posateria e tanto altro da far felice qualsiasi donna!

Neuburg an der Donau, Castello il prezioso set

Di grande valore storico è l’ampia sala “dedicata” al 15° Reggimento Fanteria Reale Bavarese (15 Kgl. Bayer. Infrantrieregiment) in essere dai primi anni del 1800 (a seguito di un accorpamento delle unità preesistenti) fino al suo scioglimento nel 1919 di stanza a Neuburg per volere di re Ludwig I nel 1828, poichè la favorevole posizione geografica di Neuburg fu la causa di numerose battaglie, dalle guerre dei Trent’Anni alle battaglie Napoleoniche.

Neuburg an der Donau, Castello, Sala delle armi

Fucili, spade, elmi. tamburi, medaglie e divise custodite in diverse teche sono in esposizioni e alcuni utili pannelli informativi corredati da interessanti foto d’epoca raccontano quanto esposto!

Diverse sono le sale che meritano di essere citate come la “Grüner Saal”, la “Große Dürnitz”, la “Rittersaal” (la “Sala dei Cavalieri”) con il soffitto interamente in legno.

Neuburg an der Donau, Castello, Rittersaal

Merita nuova citazione la “Schlosskapelle” che rappresenta la più antica chiesa protestante in terra tedesca, arricchita da interessanti affreschi.

Neuburg an der Donau, Castello, Schlosskapelle (1)

Nella Großer Saal è esposta una collezione di grandi quadri appartenenti ai maestri della pittura come Antoon Van Dyck e Pieter Paul Rubens per non citarne che alcuni.

Neuburg an der Donau, Castello Großer Saal

Un quadro dal titolo “Latona und die Bauern”, (ovverosia Latona e i contadini) attira la mia attenzione, riportandomi alla mente la fontana centrale presente nel parco del castello di Herrenchiemsee che prende il nome proprio dalla dea Latona e della storia legata ai soggetti della grande fontana!

Neuburg an der Donau, Castello Großer Saal

Diversi divani presenti nella sala permettono inoltre di ammirare comodamente e con più attenzione questi capolavori della pittura per poter cogliere anche i dettagli più nascosti!

Il castello ospita nel piano superiori un interessante Museo di Archeologia (Archäologie-Museum) che racconta con preziosi reperti fossili, monumenti in pietra, oggetti in metallo e documenti, la storia geologica lunga milioni di anni e la millenaria cultura umana nella regione dell’ex Palatinato.

Neuburg an der Donau, Castello, museo dell’Archeologia (particolare)

Al terzo ed ultimo piano altrettano interessante è la collezione denominata “Kirchlicher Barock”, con una ricca esposizione di oggetti a carattere religioso come paramenti sacerdotali, paramenti in pregiata stoffa per l’altare, elaborati ricami religiosi di preziosa fattura. Bella la veduta della cittadina che regala il castello.

Neuburg an der Donau, Castello, collezione al terzo piano

Adiacente al castello si erge la Hofkirche, denominata “Unsere Liebe Frau“, con il possente campanile centrale.

Neubrug an der Donau, Hofkirche

La chiesa che si ammira oggi fu costruita nei primi anni del 1600 e consacrata a Maria nel 1618.

L’interno è a tre navate e lateralmente i bianchi muri che chiudono il luogo religioso ospitano sedici statue che raffigurano i dodici Apostoli e alcuni santi gesuiti, ognuna delle quali ha con se diversi oggetti che spiccano per il colore dorato.

Neubrug an der Donau, Hofkirche (interno)

Di grande valore l’altare maggiore chiuso da elaborate colonne con due statue poste ai lati.

Neubrug an der Donau, Hofkirche (interno)

L’affresco della Pala d’Altare mostra l’Ascensione di Maria e sopra l’altare maggiore è completato da una serie di angeli e putti con al centro il simbolo cristiano. Esternamente all’altare si possono due elaborati stemmi con tanto di corona reale dove spiccano i rombi con i colori della bandiera bavarese.

Neubrug an der Donau, Hofkirche (interno, particolare dell’altare maggiore)

Karlsplatz è la bellissima piazza dove si affaccia la gialla facciata della chiesa dedicata a Maria, che fu ampliata dopo il crollo della torre nel 1602 circondata da tigli secolari e preziosi edifici rinascimentali con ingerenze del barocco.

Neuburg an der Donau, Karlsplatz: Mariensäule e Provinzialbibliothek (facciata gialla)

Al centro si erge la “Mariensäule”, la colonna di Maria risalente alla metà del 1700, posta al centro della fontana.

Neuburg an der Donau, Karlsplatz: Mariensäule”, Rathaus (sin) e Taxishaus (al centro)

Dietro di essa si può vedere il grande edificio che ospita il Rathaus (Municipio) in stile rinascimentale costruito nei primi anni del 1600, la cui facciata principale è abbellita da una cascata di fiori presenti in ogni finestra (17). Le due ampie scalinate esterne conducono al portone di ingresso con le statue delle divinità raffiguranti Cerere e Giustizia e sopra lo stemma cittadino. Nella sala presente al piano terra si trova una galleria d’arte.

Neuburg an der Donau, Karlsplatz: Rathaus

A fianco del Municipio si può vedere la “Taxishaus” la cui gialla facciata è abbellita da una ricca decorazioni di stucchi in bassorilievo di pregevole fattura. Sopra il portone d’ingresso vi è una piccola nicchia che custodisce una statuetta della Vergine Maria col Bambin Gesù. Costruita nel diciottesimo secolo è oggi monumento protetto.

Dal lato opposto della Hofkirche si staglia l’edificio (dai colori simili a quelli della Hofkirche) che ospita la Provinzialbibliothek, edificio rococò risalente agli anni 1731-1732 ed allestito successivamente in stile barocco grazie all’arredo del monastero di Kaisheim, comune bavarese non distante da Neuberg. Edificio eretto inizialmente per scopo religiosi divenne la biblioteca provinciale nel 1803 su decreto del principe elettore Maximilian IV Joseph v. Wittelsbach, tre anni dopo il futuro re di Baviera Maximilian I!

Proseguendo nell’elegante Amalienstraße ericca di case di pregio, a stretto contatto con la Biblioteca si trova l’edificio chiamato “Weveldhaus” che ospita oggi lo “Stadtmuseum”. Risalente al 1517 la bella facciata principale ha all’angolo un grande bovindo a due piani e sopra il portale d’ingresso spicca lo stemma sormontato da una cornice dove poggia un busto raffigurante la parte superiore della SS. Madonna, cinta da una corona color oro e da due angioletti ai suoi lati.

Neuburg an der Donau, Amalienstraße: in primo piano l’edificio che ospita lo Stadtmuseum e dietro il campanile della chiesa dedicata a San Pietro

Poco oltre al nr 40 la “Pfarrkirche Sankt Peter” che sorge laddove si trovava la più antica chiesa della città. Ricostruita dopo il crollo della torre nella metà del 1600 è composta da tre navate con il pregevole altare maggiore, il pulpito nella parte destra e una serie di raffigurazioni pittoriche all’interno di elaborati medaglioni che corrono lungo tutto il soffitto e lateralmente ad esso.

Neuburg an der CDonau, chiesa di San Pietro (interno)

Svoltando ecco la “Obere Tor” costruita nel 1530 e più volte rinnovata dopo le devastazioni delle guerre accadute nei due secoli successivi e prima (sulla sinistra) l’edificio (“Die Münz”) che un tempo fu il luogo di conio e fonderia.

Neuburg an der Donau, Obere Tor

Dietro spicca il campanile dell’ex Monastero delle Orsoline con annessa chiesa di Sant’Orsola costruito nel 1700/01, oggi Seminario ecclesiale.

Merita una citazione anche la Hofapotheke edificio barocco risalente al 1713 la cui bianca facciata presenta sul portale un elaborato stemma del principe Elettore Johann Wilhelm e in alto due statue raffiguranti San Giuseppe e la Vergine Maria con il Bambin Gesù!

Neuburg an der Donau, Hofapotheke

Da Oskar Wittmann Straße parte la pittoresca via pedonale che costeggia il placido Danubio regalando piacevolissimi scorci della città dominata dall’imponente castello. Arricchita da curate fioriere ricolme di varipinti fiori è il luogo ideale per una passeggiata al chiaro di luna mano nella mano!

Neuburg an der Donau, sullo sfondo il possente Castello

Di fronte si trova la “Leopoldineninsel” isola abitata attraversata dal ponte denominato Elisenbrücke (con statua di San Giovanni Nepomuk all’inizio dello stesso) che conduce fuori città.

Informazioni utili

Neuburg an der Donau città bavarese nella regione dell’Oberbayern si trova circa a metà strada tra Ingolstradt (Km. 25) e Donauwörth (Km. 30), collegata tramite la “B16”. Augsburg dista circa 65 (collegata tramite la “B16″2 e la “B2”), la capitae bavarese si trova a circa 90 chilometri (tramite la “B162 e la “A9” ed il confine di stato Austria-Italia (Brennero) si raggiunge dopo aver percorso circa 310 chilometri (tragitto quasi interamente autostradale tramite “A9”, “A8”, “A93” e in territorio austriaco “A12 e “A13”). Si avvisa che il Castello di Neuburg an der Donau (Schloss Neuburg) sarà chiuso dal 28 settembre 2020 alla fine di maggio 2021, per lavori. Maggiori informazioni sono visibili nel sito dell’Ente Museale Bavarese, www.schloesser.bayern.de Il “Tourist Information” ubicato nel cuore cittadino si trova in Ottheinrichplatz A 118. Ambiente curato dispone di una buona offerta di materiale informativo, ampliata da prodotti locali tipici e volumi regionali. Per raffreddare gli istinti culinari consiglio il ristorante-Gasthaus “Blaue Traube” (chiuso di lunedì) che dispone anche di offerta alloggiativa. Ubicato nella centralissima Amalienstraße A49, offre gustose pietanze della cucina tradizionale bavarese accompagnate, sempre, dall’ottima birra “Made in Bavaria!”

Ringraziamenti

Vivissimi ringraziamenti esterno al “Bayerische Verwaltung der Staatlichen Schlösser Gärten und Seen” per la concessione della foto contrassegnata dal nr. 1 e per l’autorizzazione alla pubblicazione nel mio sito delle foto relative all’interno del “Schloss Neuburg” (Castello di Neuburg), facente parte del patrimonio museale dell’Ente sopra citato. Si ringrazia, inoltre, il personale del Tourist Information per la disponibilità manifestata durante la visita della città di Neuburg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *