La Baviera

La città di Arnbruck e il Villaggio di Vetro

Arnbruck è un comune bavarese di antiche origini, la cui nascita risale a circa 800 anni or sono. Natura incontaminata, ampi boschi e prati sono il suggestivo panorama che circonda la località nel cuore della Foresta bavarese (Bayerischer Wald), attaversato dalla suggestiva “Strada del Vetro” (“Glasstraße )

.

La “B533” nei pressi di Arnbruck

Arnbruck ha nel suo territorio una “attrazione” che merita assolutamente di essere conosciuta, il “Villaggio di Vetro” (“Weinfurt Das Glasdorf”)!

Arnbruck, Das Glasdorf

Luogo dove il vetro nelle sue infinite rappresentazioni multicolori, vere e proprie opere d’arte la cui maestria è tramandata con competenza e dedizione, è il protagonista assoluto.

Una fornace dove il vetro viene soffiato, tagliato, piegato a una temperatura di 1.200 gradi, lunghi tubi di acciaio e un insieme di pinze, forbici e altri utensili sono alcuni dei preziosi ausili del vetraio per lavorare, con estrema cura e profonda passione, la materia prima, precedendo la sua solidificazione.

Il risultato finale, gioia per gli occhi, è una serie infinita di oggetti dai mille colori e dalle mille forme per gli usi più disparati.

Tutto nasce nel 1969 quando il Sig Oskar Weinfurtner, da cui il nome, apre unitamente alla propria moglie e ad altri componenti della famiglia un piccolo laboratorio di molatura del vetro ai margini del paese. I suoi due figli all’epoca non ancora maggiorenni sono un aiuto all’attività fin dall’inizio, soprattutto Richard il più giovane dei due che mostra passione nell’attività di famiglia. Il primogenito (Oskar jr) grazie agli studi frequentati apporta migliorie ampliando la gamma di produzione.

Così anno dopo anno quello che inizialmente era un piccolo laboratorio è diventato oggi il “Weinfurtner Das Glasdorf”, azienda che conta quasi duecento persone impiegate nelle molteplici attività del “Villaggio”, unite da questo prezioso materiale.

Un ampio parcheggio precede la vasta area dove si distende con innumerevoli attrattive il “Glasdorf”.

L’ampia area verde arricchita da fontane e specchi d’acqua ha diversi motivi di interesse per i più piccoli ed è un susseguirsi di oggetti, fiori e animali le cui forme e colori attraggono anche il visitatore meno attento.

Diversi sono gli edifici presenti nell’area e diversi sono i prodotti merceologici offerti tutti provenienti dalla foresta bavarese.

Per i più piccoli vi è anche uno zoo, un parco giochi e il giardino delle sculture…tutte rigorosamente in vetro!

Gufi, pappagalli, farfalle, papaveri, girasoli e tanti oggetti di uso comune costellano l’area verde interrotta soltanto dai vari percorsi che si diramano dagli edifici presenti.

L’area espositiva destinata alla vendita offre una serie infinità di oggetti uno diverso dall’altro per colore, forma e dimensione che “rapiscono” letteralmente la partner e attirano anche il sottoscritto seppur poco incline all’argomento.

La visita del “Villaggio del vetro” si conclude nell’elegante “Bistrot” preceduto ovviamente da un “doveroso” acquisto!

Di antiche origini Arnbruck nacque in seguito a un dono fatto da un nobile a favore del monastero di Niederaltaich oltre 800 anni or sono, nel 1209.

A tale data risale la prima menzione della chiesa parrocchiale di Arnbruck dedicata a San Bartolomeo (Pfarrkirche St. Bartholomäus).

Rimaneggiata nel corso dei secoli e in più riprese conserva coro e torre risalenti al XII-XIII secolo, le parti più antiche del luogo religioso.

Arnbruck, chiesa di San Bartolomeo

L’interno ad unica navata custodisce l’altare maggiore, i due altari laterali minori e il pulpito in stile rococò risalenti alla metà del 1700, rivisti in periodi successivi.

Arnbruck, chiesa parrocchiale (altare maggiore pulpito e altari laterali minori)

L’altare maggiore mostra al centro la statua lignea gotica creata nel 1410 che raffigura il patrono della chiesa.

Arnbruck, chiesa parrocchiale (particolare altare maggiore)

L’altare laterale sinistro preserva una preziosa statua in stile gotico della Vergine Maria con il Bambino, immagine miracolosa legata a una antica leggenda locale.

Arnbruuck, chiesa parrocchiale (altare minore sinistro)

Di antica origine anche il fonte battesimale gotico a fianco dell’altare laterale destro con la raffigurazione centrale di San Giuseppe.

Tanto verde, tanto colore e tanta cura delle cose comuni mi accompagnano tra le vie di Arnbruck fino a una “doverosa” sosta dinanzi alla “Wittelsbacher Brunnen” che suscita in me particolare attenzione!

Informazioni utili

Il comune di Arnbruck conta circa 2 mila abitanti nel distretto (Landkreis ) di Regen. Esso si trova nel cuore della Foresta bavarese (“Bayerischer Wald“) nella regione della Baviera Orientale (Ostbayern). Si trova a circa 35 chilometri (tramite la “B11”) da Deggendorf, a circa 100 chilometri da Regensburg (tramite la “B11″ e la A3”) e a circa 50 chilometri da Passau (tramite la strada numerata 85). La capitale bavarese (raggiungibile percorrendo la “B11” e la “A92”) si trova a circa 175 chilometri.

Ringraziamenti

Grazie all’amicizia con Christopher Spitzley titolare del locale “Il Bavarese” di Cesena ho avuto l’opportunità di conoscere personalmente Herr Oskar Weinfurtner, co-titolare del “Das Glasdorf”, che ringrazio per la disponibilità esternata durante la visita. Essere invitati, inoltre, nell’elegante “Bistrot Quattro Stagioni” tra prelibati dolci accompagnati da eccellente birra è motivo di grande soddisfazione e premia, ancora una volta, l’innato senso di ospitalità bavarese!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *