News

Emergenza sanitaria “Covid.19 ” in Baviera, aggiornamento numero 10 del 2021

Importante conferenza resa ieri da parte del Cancelliere Federale Tedesco Angela Merkel a Berlino con particolare riferimento alle nuove strategie da adottare relative alla pandemia da “Covid.19”.

Prima di trattare i punti salienti resi noti durante il discorso della nobilissima alta personalità politica tedesca, riporto un breve stralcio di quanto pubblicato lo scorso 1 agosto, seguito dai dati resi noti oggi.

“Pur se in aumento nel complesso i valori legati alla diffusione del “Covid.19” rimangono soddisfacenti sia in Germania che in Baviera. Complessivamente in Germania sono 13 le città/distretti che registrano un valore superiore a 35/100.000 abitanti su 7 gg e di questi due sono in Baviera. Il valore più alto è per la città di Salzgitfer (Bassa Sassonia, Niedersdachsen) con 68,1.”

Numeri in aumento legati alla diffusione del “Covid.19” rispetto a dieci giorni fa.

In Germania sono 17 le città o distretti che registrano un valore superiore a 50/100.000 abitanti per 7 giorni con la città di Flensburg (Schleswig) con il valore più alto: 90,9.

In Baviera il valore più alto lo registra la città di Aschaffenburg che ha superato il limite di 50 (52,1) e 6 città hanno superato il valore di 35 (valore più alto Berchtegaden Land con 46,3). La città e il distretto di Monaco registrano rispettivamente i valori di 27,6 e 19,7.

Come anticipato in apertura di articolo oggi la stampa bavarese dà risalto alla conferenza di ieri e anche nello “Stato Libero di Baviera”, come annunciato dal Primo Ministro Bavarese Markus Söder, sono in arrivo nuove e più stringenti regole soprattutto a svantaggio delle persone non vaccinate (in Baviera hanno ricevuto la prima dose 7,89 mln. di persone e poco più di 7 mln. hanno completo l’iter vaccinale; rispettivamente il 60% e il 53,6%).

Questi i punti più importanti che dovrebbero entrare in vigore entro il prossimo autunno:

  • La vaccinazione in Baviera rimane ancora su base volontaria pur se i numeri globali non sono quelli aspettati, ma proseguendo questa situazione coloro che non hanno intenzione di vaccinarsi dovranno assumersi determinate reponsabilità;
  • i test “Covid.19” a partire dall’11 ottobre prossimo non saranno più gratuiti per le persone che intenzionalmente -recita l’articolo – non sono interessate alla vaccinazione: Nulla cambia verso quelle persone impossibilitate alla vaccinazione (ad esempio le donne incinta);
  • eventuali obblighi (vaccinazione, guarigione, test o soltanto i primi due casi) sono allo studio per gli ambienti chiusi (ristorante al chiuso, permanenza in hotel etc…) e non sono propriamente esclusi fermo restando variazioni se il valore di incidenza rimane sotto 35;
  • permangono in vigore le regole di distanziamento e l’obbligo di indossare la maschera tipo “FFP2” (escluse categoricamente tutte le altre) per eventi al chiuso, sugli autobus, treni, in musei o castelli, all’interno dei negozi, al ristorante etc;

Il Primo Ministro esorta la cittadinanza alla vaccinazione quale modo più semplice e sicuro per ottenere il ritorno alla normalità.

L’ultima annotazione riguarda la situazione per chi si reca in vacanza in Baviera: attualmente è richiesto al momento del soggiorno in hotel un test Rapido (in inglese/tedesco) non più vecchio di 24h. se non si ha la doppia vaccinazione fatta da oltre 14 giorni:

Rimango a disposizione per ogni ulteriore elemento informativo.

Fonte: AZ.de (dati dell’11.08.2021 ore 08.00)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *